Vai al contenuto
Home » Esonero Lavoratrici Madri

Esonero Lavoratrici Madri

L'immagine raffigura una mamma sul posto di lavoro con in braccio il suo bambino. Vuole mettere in evidenza le lavoratrici madri
Condividi questo articolo

La Legge di Bilancio 2024 (Legge n. 213/2023, art. 1, commi da 180 – 182) ha introdotto un nuovo esonero contributivo per le lavoratrici madri. Questa misura è stata pensata per sostenere l’occupazione femminile e favorire una maggiore conciliazione tra vita lavorativa e familiare per le madri lavoratrici.

Con la Circolare 27 del 31 gennaio 2024 l’Inps fornisce le indicazioni attese per l’applicazione del beneficio sulla contribuzione conto dipendente, dedicato alle lavoratrici con figli.

A chi spetta l'esonero delle lavoratrici madri?

L’esonero contributivo è rivolto alle lavoratrici dipendenti madri di almeno due figli. La misura è pensata per sostenere le madri nel mercato del lavoro, offrendo un incentivo concreto alle aziende per mantenere e assumere lavoratrici in questa categoria.

Quali sono le condizioni per l'accesso all'esonero delle lavoratrici madri?

Per beneficiare dell’esonero, la lavoratrice deve essere impiegata con un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Sono comprese le apprendiste, assunte in corso d’anno o già in forza da data precedente.

La misura riguarda sia il settore pubblico, che privato che agricolo, con la sola esclusione delle lavoratrici con rapporto di lavoro domestico.

  • Condizioni necessarie nel 2024

In via sperimentale solo per quest’anno spetterà nel caso in cui la lavoratrice sia madre di almeno due figli al momento della richiesta e che il più piccolo abbia al massimo 10 anni (9 anni e 364 giorni).

  • Condizioni per il periodo 2025-2026

L’esonero sarà valido in presenza di almeno tre figli, di cui il minore inferiore a 18 anni (17 anni e 364 giorni).

Cosa fare per beneficiare dell'esonero lavoratrici madri?

Per accedere all’esonero contributivo, è necessario che la lavoratrice presenti una specifica autodichiarazione al datore di lavoro, comunicando i codici fiscali dei figli e attestando il diritto al beneficio secondo le condizioni stabilite dalla normativa.

Adozioni e lavoro part-time

Nel caso di adozione, l’esonero è concesso alle madri adottive alle stesse condizioni previste per le madri biologiche.

Per quanto riguarda il lavoro part-time, la lavoratrice deve presentare le dichiarazioni di esonero ad ogni datore di lavoro e l’importo non viene riproporzionato, ma spetta in misura piena.

Ammontare dell'esonero

Il beneficio contributivo prevede una riduzione dei contributi previdenziali a carico della lavoratrice. Nello specifico viene riconosciuto un esonero della quota Inps a carico del dipendente, fino ad un massimo di 250 euro mensili.

Esempio pratico

L’azienda che impieghi una lavoratrice madre di due figli, in base alle disposizioni dell’esonero contributivo 2024, potrà beneficiare di una riduzione dei contributi previdenziali.

Ciò significa che non vi sarà trattenuta Inps in busta paga e il netto sarà proporzionalmente più alto per la lavoratrice.

No, l’esonero è alternativo rispetto a quello dedicato a tutti i lavoratori, ed è più vantaggioso.

No, perché non siamo a conoscenza dei figli dei lavoratori, per cui è la madre stessa a doverne fare espressamente richiesta. Senza autodichiarazione della madre, continueremo ad applicare le regole previgenti.

Dalla busta paga di febbraio 2024, ma sarà possibile chiedere l’erogazione degli arretrati anche relativi al mese di gennaio 2024.

No, pertanto valutate se volete trasformare tali lavoratrici a tempo indeterminato.

Si, in quanto tale rapporto, come previsto dal decreto legislativo n. 81/2015, deve considerarsi un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione dei giovani.

L’esonero è solo dal punto di vista contributivo, la tassazione continua a seguire il sistema degli scaglioni Irpef.

Nel comma 182 dell’articolo 1 della legge di Bilancio 2024, l’applicazione dell’esonero lascia ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, ovvero non ci saranno effetti sulla pensione di chi chiede questo esonero.

Per ulteriori informazioni sul tema dell’esonero delle lavoratrici madri o se cerchi un Consulente del Lavoro contatta lo Studio Borsi e compila il form sottostante.